campionati provinciali di corsa campestre: solo vittorie per i nostri atleti

Alla fase provinciale di corsa campestre che si è svolta a Basicò Domenica 20 Dicembre 2015, i nostri atleti presenti hanno tutti conquistato il titolo provinciale. Il percorso era stato completamente cambiato, in quanto le piogge della notte avevano reso impraticabile quello preparato precedentemente

La prima vittoria nella categoria Ragazzi è arrivata grazie a Simone Messina che ha regolato gli altri atleti nonostante un disguido nella lunghezza del percorso.

Nella batteria che comprendeva gli assoluti, Giuseppe Trimarchi con il piglio e la sicurezza di chi confidava nei propri mezzi, ha condotto dall’inizio alla fine la gara regolando atleti, anche fuori provincia, che sulla carta venivano considerati fuori dalla sua portata; il nostro atleta si è potuto indossare la maglia di campione provinciale.

Anche Enzo Messina si è potuto fregiare del Titolo di campione, nonostante sia stato fermo per un mese e avesse ripreso gli allenamenti da un mese e mezzo, e nelle campestri non sia a proprio agio, ha condotto una gara molto regolare che è senz’altro servita sotto l’aspetto prettamente agonistico. Nella stessa categoria Junior ottimo secondo posto per Giovanni Di Maio, che con un ritmo regolare si è lasciato alle spalle diversi avversari.

L’ultimo titolo è stato appannaggio del nostro inossidabile Salvatore Miduri che nella categoria riservata agli over 65 è giunto abbondantemente primo.

nella foto sotto sulla sinistra si possono notare i nostri tre rappresentanti, Peppe trimarchi, Giovanni Di Maio ed Enzo Messina

IMG-20160107-WA0001

PALERMO 30 E 31 OTTOBRE BUONI I RISULTATI DALLE PROVE MULTIPLE

Il Memorial Lorenzo Purpari svoltosi a Palermo il 30 e 31 ottobre scorso ci ha consegnato dei risultati al di la di ogni più rosea aspettativa. Considerato che la stagione è agli sgoccioli e che i nostri atleti partecipanti a Palermo avevano messo le chiodate in naftalina, siamo tornati dalla due giorni abbondantemente soddisfatti e con vittorie in singole specialità che hanno spesso segnato il personale dei nostri atleti.

A Palermo erano presenti tre allievi (Manuguerra, Garfì e Artuso) una Promessa (Mondelli) e un Assoluto (Gabriele Crisafulli) che ha conquistato il primo posto nel memorial Purpari. Nelle singole gare Allievi si sono distinti Nicholas Artuso che ha regolato tutto il lotto dei partecipanti sia nei 100 piani (compresi gli assoluti ) che nel salto in lungo con l’ottima misura personale di  6,39 ha regolato il compagno di squadra Giovanni Manuguerra che con 6,21 ha stabilito il personale; Pierpaolo Garfì, un pò sottotono in diverse gare, si è preso la sua rivincita vincendo i 1500 tranquillamente davanti al compagno Manuguerra; i nostri tre atleti si sono classificati al 3° (Artuso) 5° (Manuguerra e 6° posto (Garfì).

Il Febbricitante Mondelli è riuscito nella non facile impresa di terminare tutte e dieci le gare previste, potendo così classificarsi nella graduatoria nazionale sia nelle prove multiple che nel lancio del disco Promesse.

ORO E ARGENTO AI CAMPIONATI ITALIANI DI PENTATHLON LANCI

IMG-20151011-WA0001 IMG-20151011-WA0002 IMG-20151011-WA0003 IMG-20151011-WA0004 IMG-20151011-WA0006 IMG-20151013-WA0008 IMG-20151013-WA0000 IMG-20151013-WA0001 IMG-20151013-WA0004

Dal “Beppe Tosi”  di Pistoia si torna con un titolo italiano e una medaglia d’argento; artefici di questi eccellenti risultati sono stati Ciccio Longo e Salvatore Pino. Il primo si è mostrato mattatore dei campionati Italiani di Pentathlon lanci riuscendo nella non facile impresa di risultare vincitore in tre delle cinque gare in programma, mancando di poco il primato italiano di categoria fermando il punteggio finale a 3122 punti. Per Salvatore si è trattato della seconda manifestazione su questo particolare tipo di gare; il secondo posto la dice lunga sul percorso intrapreso per un futuro ricco di soddisfazioni. il punteggio conseguito è stato di 2367 punti.

Alla manifestazione era presente il campione di lancio del Martello Nicola Vizzoni a cui è toccato l’onere della premiazione.

FINALE NAZIONALE DI SERIE “B”: ad Orvieto storica impresa

Lo scorso anno a Matera ci eravamo fatti la bocca dolce classificandoci dopo quarant’anni di attività alla finale nazionale di serie “B” ed eravamo riusciti a raggiungere un onorevole decimo posto; quest’anno non solo non ci siamo accontentati di riconquistare la finale nazionale, ma siamo riusciti nell’ardua impresa di lasciarci alle spalle sodalizi con un parterre di atleti sicuramente più attrezzato del nostro raggiungendo un sesto posto che la dice lunga  su come i nostri atleti sono scesi in campo convinti di giocarsela con tutti.

la soddisfazione del risultato conseguito è stata immensa per tutti dirigenti, tecnici ed atleti. Andiamo alla cronaca dell’avvenimento. Arrivati la sera precedente dell’avvenimento, tutto il gruppo si è recato a vedere lo stadio dove il giorno dopo si sarebbero svolte le gare; nessun altra società era presente, a suggello del fatto che insieme all’Amsicora Cagliari eravamo le sole società del sud ad esser penalizzati dall’orario gare in quanto tute le altre società erano a un tiro di schioppo, per cui si sarebbero potute presentare direttamente la mattina delle gare, con azzeramento totale dei costi della trasferta.

la mattinata delle gare è trascorsa in un’attesa abbastanza gioiosa con la partenza dall’hotel intorno alle 11.00. Arrivati al campo, dal ritiro della busta gara in poi, è stato tutto un susseguirsi di emozioni a cominciare dalla prima gara in cui eravamo impegnati con i nostri atleti; il battesimo è avvenuto nei 100 metri con Nicholas Artuso che ha chiuso al settimo posto in 11”.12, ottima prestazione per un atleta che si allena da poche settimane e che ha quasi eguagliato il proprio personale.

Nei 400 metri Stefano Ferrarotto che si presentava ai blocchi di partenza con il sesto tempo, ha conquistato il terzo posto con 49” e 32 nonostante un fastidioso vento che spirava trasversalmente e un lotto di concorrenti di tutto rispetto.

Nel salto in lungo è mancata di pochi centimetri la medaglia di bronzo eccellenti le prestazioni dei nostri portacolori, con Gabriele Crisafulli al quarto posto in 6 e 85 e Pino Salvatore quinto con 6 e 84 che migliora il proprio il personale di oltre 20 centimetri.

Nei 1500 metri Vincenzo Messina con una gara molto giudiziosa e al cospetto di un lotto di avversari di tutto rispetto, si è classificato al sesto posto con il personale di 4’07”.99 battagliando sul filo di lana con il già campione italiano Riccardo Usai per la quinta posizione.

Nei 3000 siepi una caduta ha tolto dalla lotta per le migliori posizioni Currò Davide, che si presentava con il terzo miglior tempo, fortunatamente il compagno di specialità Giuseppe Trimarchi è riuscito con il personale di 10’02”.86 a conquistare la settima posizione.

Nel lancio del giavellotto ottimo quinto posto di Carmelo Impalà con il personale stagionale di 50,88, atleta che fino all’ultimo istante è stato in forse per motivi di lavoro, ma che ha fatto di tutto per essere presente per questo straordinario risultato

A completare il lotto degli individualisti Salvatore Mondelli nei 100 piani e Pino Salvatore nel lancio del disco che si sono difesi egregiamente con personale stagionale.

Due quarti posti sono stati conquistati nelle staffette che hanno lasciato un po di amaro in bocca per la mancata conquista della medaglia di bronzo; ottime comunque le performance cronometriche di Bonasera Alessandro – Mondelli Salvatore – Garfì Pierpaolo – Artuso Nicholas nella 4 x 100 e primato societario nella 4 x 400 di Gilotti Luciano Garfì Pierpaolo – Messina Vincenzo – Ferrarotto Stefano con il tempo di 3’28”.71

le eccellenti prestazioni di tutti i nostri atleti indistintamente ci hanno permesso di conquistare  il 6° posto con 34 punti migliorando la 10^ posizione dell’anno precedente, incrementando del 50% i punti conquistati nel 2014 a Matera.

Forza Ragazzi, attrezziamoci per la nuova stagione agonistica col fermo intento di ottenere risultati sempre migliori.

IMG-20150927-WA0000 IMG-20150927-WA0012 IMG-20150927-WA0002 IMG_20150927_145440280 IMG_20150927_162713564_HDR IMG_20150927_162703380_HDR IMG_20150927_143642924 staffetta 4 x 100 la staffetta 4 x 400 IMG-20150927-WA0014 IMG_20150912_184605851

 

CRITERIUM REGIONALE RAGAZZI/E: PICCOLI CAMPIONI CRESCONO

Si è svolto a Messina il Criterium Regionale delle Province siciliane riservato alla categoria Ragazzi/e. Nella rappresentativa messinese erano presenti quattro nostri atleti provenienti dal nostro settore giovani encomialmente curato da Maria e Totò. Ottimi i risultati ottenuti dai nostri rappresentanti. Fa sicuramente molto rumore la misura di 5,19 ottenuta nel salto in lungo dalla nostra Luiza Buzic che risulta essere la seconda prestazione italiana di categoria; ma, non è da meno neanche la vittoria di Simone Messina nei 1000 che col piglio di atleta compassato ha regolato gli avversari con il primato con il personale di 3’10”.2; Asia Policastrese è arrivata 3^ nel getto del peso con la misura di 7,98; Giovanni Pantano nella marcia si è classificato al quarto posto e Caterinas Giannella al quinto posto nei 60 metri. Le nostre tre ragazze hanno poi fatto parte della staffetta 4 x 100 che si è classificata al terzo posto.

RAPPRESENTATIVA_PROVINCIALE_RAGAZZIE[1]

 

REGIONALI INDIVIDUALI CADETTI/E – ALLIEVI/E

Risultati di buon livello e un titolo di campione hanno portato i campionati regionali individuali giovanili riservati alle categorie cadetti/e, Allievi/e che si sono svolti a Palermo e valevoli anche come seconda prova del campionato di società allievi.

La pausa estiva non ha permesso una nostra partecipazione massiccia in quanto molti atleti erano ancora fuori sede o lontani dalla forma migliore; per cui si è optato par una partecipazione qualitativa. La conquista del titolo regionale è stato opera di Nicholas Artuso che ha regolato il lotto degli avversari con un buon 11″.21 altri risultati di rilievo sono stati i due secondi posti di Pierpaolo Garfì nei 200 per soli 3 centesimi ha mancato la vittoria (23″.51) e nei 400 metri (52″.83). Nei 200 era presente anche Nicholas Artuso che ha chiuso al quarto con il primato personale di 23″72 dopo la non felice esperienza dei 200 del Mennea day di Enna. Nei 400 metri era presente anche Giovanni Manuguerra che ha chiuso al quinto posto con il tempo di 55″.83. Nel salto in lungo Edoardo Garufi ha chiuso al 6° posto con al Misura di 5,79, certamente al di sotto delle sue reali possibilità. Nel settore lanci erano presenti Andrea Celi (Peso 10,73, Disco 30,94) e Roberto Cucinotta (Peso 7,28, Martello 32,63) che si sono ben difesi con il secondo che ha migliorato il personale di circa 6 metri.

Nella categoria Cadette era presente Arianna Del Bono che ha portato in sede con soddisfazione una medaglia d’argento nel salto in lungo con 4,70 metri, e una medaglia di bronzo nel salto in alto con la misura di 1, 49.

Nella categoria cadetti era presente Denni Chillè che nel lancio del peso con la misura di 10,91 si è classificato al quarto posto.

IMG-20150919-WA0000 IMG-20150919-WA0001 IMG-20150919-WA0002 IMG-20150920-WA0005

MENNEA DAY BUONI I RISULTATI

Poteva andar meglio ma ci accontentiamo. Tante sono stati fattori contingenti che non ci hanno aiutato a centrare risultati migliori con i nostri atleti.

La manifestazione a ricordo del record mondiale stabilito dal campione barlettano si svolgeva contemporaneamente in tutta Italia e in sicilia nelle due sedi di Enna e Palermo. Noi eravamo presenti in entrambi le sedi; a Palermo si pensava ci fossero tutti gli specialisti dei duecento in maniera tale da avere l’opportunità peri nostri atleti di migliorare le già ottime performance stabilite nella manifestazione provinciale di Palermo dove sia Stefano Ferrarotto aveva stabilito i suoi primati sia nei 200 (21″.75) che nei 400 metri (48″.82) che Pierpaolo Garfì (232:31 – 52″.79) nel breve volgere di un ora. Invece è stata Enna la sede con una partecipazione maggiore, dove eravamo presente oltre che nel pentalanci con Nicolhas Artuso che ha stabilito nei 100 la sua migliore prestazione stagionale (11″.12) con vento nei limiti consentiti.

A Palermo siamo stati presenti con un buon gruppo di atleti che si sono distinti nelle specialità cui erano presenti a cominciare da Simone Messina che si è classificato al terzo posto con il tempo di 28″.36; Stefano Ferrarotto è risultato primo con il tempo non monstre di 22″.02 così come primo è giunto nei 400 con un tempo appena al di sotto dei 50 (49″.99). Nei metri 800 il solito Todaro come al solito è stato sempre dietro al nostro Enzo Messina (1’58”.53) per poi superarlo sul filo di lana con un tempo di appena 8 centesimi inferiore. Nel salto in Lungo Gabrele Crisafulli al rientro dopo un mese di inattività ha chiuso al terzo posto con la misura di 6,47. Infine Giuseppe Trimarchi è stato presente per la prima volta  in una gara di 3000 siepi, purtroppo per lui il lotto degli iscritti era di alto livello, ma a partecipare alla gara si è ritrovato solo, nonostante ciò il tempo all’arrivo è stato più che soddisfacente.

SALVATORE PINO SENIOR CAMPIONE REGIONALE PENTATHLON LANCI

Si sono svolti a Enna il 12 Settembre i campionati Regionali di pentathlon lanci master  la nostra associazione era rappresentata da Salvatore Pino che ha fatto suo il titolo con il punteggio di 2085 punti raggiunti grazie ai risultati conseguiti nel lancio del martello con maniglia (10,24 mt), al disco (25,76 mt), al giavellotto (32,23 mt), al martello (34,08) e al lancio del peso (9,08). Salvatore era alla seconda esperienza nella specialità e sta ricominciando a gareggiare dopo alcuni anni in cui si era allontanato per motivi di lavoro.

Alla manifestazione era assente Ciccio Longo che avrebbe sicuramente fatto suo il titolo regionale, purtroppo all’ultimo istante una serie di impegni lo hanno fatto desistere.

Attendiamo entrambi ad un grosso risultato ai campionati Italiani estivi di pentathlon lanci che si svolgeranno il 10 Ottobre a Pistoia

ESORDIO DI ARIANNA NELLE PROVE MULTIPLE

Arianna Del Bono ha fatto il suo esordio nel mondo dell’agonismo regionale nel corso delle prove multiple Cadette il 5 Settembre a Siracusa . E’ stato un battesimo particolarmente lungo nel corso del quale ha potuto sperimentare la complessità e la bellezza della specialità che in assoluto incorona l’atleta più versatile e completa.

Arianna, considerata la sua prima uscita e naturalmente l’emozione del caso, ha fatto una bella figura, conquistando la sesta posizione nella classifica finale grazie al secondo posto nel salto in alto con la notevole misura di 1,50 (secondo posto), al 15.1 negli 80 Ostacoli, al 12,70 nel lancio del giavellotto, al 4,20 nel salto in lungo, e al 2’10”.2 nei 600 metri.

LIONE: ECCEZIONALE IMPRESA AI MONDIALI MASTER

La contentezza, la felicità, l’orgoglio hanno raggiunto l’apice nei giorni scorsi quando siamo stati informati dei risultati che giungevano da Lione. Per la prima volta nella storia della società potevamo fregiarci di una medaglia d’oro mondiale e di tre argenti, cosa mai accaduta.  Questa eccezionale impresa la dobbiamo alle nostre donne: Maria Ruggeri e Marta Roccamo. La Prima ci aveva abituato ad imprese eccezionali e stavolta è andata anche oltre; dopo le quattro medaglie d’oro conquistate ad Istambul ai Campionati europei dello scorso anno, mai potevamo pensare che potesse arrivare a tanto; la sua caparbietà, il suo costante impegno e la sua abnegazione al sacrificio hanno permesso che potesse arrivare a raggiungere risultati che alla vigilia erano considerati molto difficili. Marta nonostante sia alla fine della categoria e si trova a confrontarsi con atlete sicuramente più giovani, ha dato il meglio di se riuscendo a portare a a casa un insperato argento, che poteva essere oro per entrambe le nostre se un’altra delle staffettiste fosse riuscita a dare un contributo consono alle sue possibilità.

Per cui l’oro di Maria è arrivato dalla 4 x 400 con conseguente record Europeo di poco al di sotto di quello mondiale, che stava per essere abbattuto dalle quattro staffettiste azzurre.

Gli argenti sono arrivati dalla gara dei 100 metri piani dove per un soffio Maria è stata battuta dall’Americana (solo 4 centesimi e sarebbe bastato solo un metro in più per aggiudicarsi l’oro); e dalla staffetta 4 x 100 dove entrambe le nostre atlete facevano parte del quartetto che ha anche battuto il precedente record italiano

IMG-20150820-WA0030 IMG-20150820-WA0029 IMG-20150820-WA0025 IMG-20150820-WA0002 IMG-20150820-WA0004 IMG-20150820-WA0010 IMG-20150820-WA0011 IMG-20150820-WA0013 IMG-20150820-WA0015IMG-20150820-WA0013IMG-20150820-WA0029